News/Eventi

  • Premiazioni del concorso Unu dýciu po sa lýngua tua

    20/02/2016

    La Consulta Cultura e Lìngua Sarda presenta i 5 dìcius vincitori del concorso "unu dìciu po sa lìngua tua”. Non sono dìcius, proverbi, della tradizione, ma motti, frasi composte per promuovere e legittimare la nostra lingua. In un tempo dove i sardi devono ancora liberarsi dello stigma che ha marchiato con il fuoco della vergogna la loro lingua, abbiamo pensato che poteva essere cosa buona e giusta promuovere un concorso come questo: affinché i sardi imparino a riaccettare la loro lingua! I motti vincitori li abbiamo stampati su dei quadretti decorosi per essere appesi in tutti gli uffici pubblici e privati, ambulatori, negozi, macellerie, mercato…
    Nel nostro bellissimo paese la lingua per fortuna è ancora molto parlata ma sotto certi aspetti è quasi come se non esistesse perché ancora si vede scritta troppo poco, nonostante il lavoro fatto da Comune, Pro loco e Consulta in tutti questi anni. Vogliamo dunque ricordare ai sardaresi che la nostra lingua esiste e oltre ad essere parlata si può (e si deve) scrivere; tutto sommato la lingua scritta è un qualcosa che rimane e in una società dove la comunicazione formale è solo in italiano, speriamo che questo sia un segnale importante.
    Siamo certi che tutti coloro i quali hanno cuore la nostra lingua hanno nella testa e nel cuore un motto che vorrebbero vedere scritto, se ancora non lo avete, inventatevelo.
    Al concorso ha preso parte perfino una terza media di Florinas (SS).
    La cerimonia si svolge nell’ex mattatoio/ex centro di aggregazione sociale di via Oristano n.59, questo sabato 20/02/2016 alle 17:00 alla presenza delle autorità comunali, Consulta, Pro Loco e Oreste Pili presidente di s'Acadèmia de su Sardu onlus. Ci intraterrà il gruppo Nakka Naranta con le loro gags.
    A si biri in Sàrdara
    Su Presidenti de sa Consulta
    Giampàulu Pisu

    Sa Consulta Cultura e Lìngua Sarda presentat is 5 dìcius bincidoris de su cuncursu "unu dìciu po sa lìngua tua". No funt dìcius de su connotu, proverbi, ma fràsias fatas po promovi e legitimai sa lìngua nosta. In d-unu tempus anca is sardus si ndi depint ancora scabulli de su stigma malu chi at marcau a fogu de bregùngia sa lìngua insoru, eus pensau ca podiat essi cosa bona su promovi custu cuncursu: po chi is sardus imparint a torrai a acetai sa lìngua insoru! Is dìcius bincidoris ddus eus imprentaus in cuadritus bellixeddus e ddus apicaus in totu is ufìtzius pùbricus e privaus, ambulatòrius, butegas, pangas, bars, mercau... 
    In bidda nosta sa lìngua po sorti manna est ancora fueddada meda ma parit chi no esistat ca ancora si bit scrita tropu pagu, mancai su traballu fatu de comunu, pro loco e consulta in totu custus annus. Boleus duncas arregordai a is sardaresus ca sa lìngua nosta esistit e a prus de dda fueddai si podit (e si depit) povintzas scriri; a contus fatus sa lìngua scrita est cosa chi abarrat e in d-una sotziedadi anca sa comunicatzioni formali est sceti in italianu speraus chi custu siat unu sinnu de importu. 
    Seu seguru ca totus is chi tenint a coru sa lìngua nosta tenit in sa conca e in su coru unu dìciu chi iant a bolli biri scritu, e chi ancora no ddu teneis, circhei-ddu. 
    A su cuncursu at pigau parti povintzas una scola mèdia de Fiolinas (SS). 
    Sa tzirimònia si fait in su macellu bèciu, bia Aristanis n.59, sàbudu su 20/02/2016 a is 5:00 p.m. a sa presèntzia de is autoridadis comunalis, sa Consulta, Pro Loco e Oresti Pili, presidenti de s'Acadèmia de su Sardu onlus. Si sprèviat su grupu Nakka Naranta cun is brullas insoru. 
    A si biri in Sàrdara

    Su Presidenti de sa Consulta
    Giampàulu Pisu